La mente ordinaria non è quella che veramente dovrebbe essere. La mente ordinaria ottenebra anziche illuminare, in quanto completamente governata dagli accidenti meccanici esterni.

Quando il pensiero ritorna su se stesso, è come una falena che continui a girare attorno ad una fiammma. Si agita, pensa di aver trovato la luce, ma poi finisce per bruciarsi.

La vera mente fornisce la luce per poter veramente vedere, e non solo per guardare.

La vera mente è qualcosa che ha poco o nulla a vedere con ciò che si chiama abitualmente così.La vera mente è un campo, una possibilità, uno stato di coscienza che è direttamente collegato a ciò che si è realizzato di se’ stessi, e non accade mai prima di aver superato una certa soglia di oggettività.

La vera mente, peraltro, non “accade” ma si manifesta. Pensare che possa accadere è il punto di vista dell’uomo soggettivo che, proprio per questo, non può accedere a quella che chiamiamo mente.

Non occorre attendere l’illuminazione per il manifestarsi della vera mente ma, “semplicemente”, divenire uno in se stessi.

Unificare i vari campi, i tanti “noi stessi” che così spesso e così subdolamente si alternano nell’illusoria continuità di una vita irreale (e tante volte surreale).

Realizzare appieno il proprio potenziale umano è quello che la mente richiede per mostrarsi e per illuminare la Via che porta alla luce della buddhità.

 

Una risposta a I Sussurri del Lama – La Luce della Mente

  • In passato spesso mi trovavo in questo vortice ora un pò meno… “Quando il pensiero ritorna su se stesso, è come una falena che continui a girare attorno ad una fiammma. Si agita, pensa di aver trovato la luce, ma poi finisce per bruciarsi”
    NAMSTE

Rispondi

Mailing List